CONDOMINIO: impianto fotovoltaico a costo zero grazie agli incentivi dell’autoconsumo collettivo

fotovoltaico-condominio

Abiti in un condominio o ne ricopri il ruolo di amministratore? Allora saprai sicuramente quanto sia difficile trovare un accordo per fare un investimento a beneficio dell’intero edificio, come l’installazione di un impianto fotovoltaico per la riqualificazione energetica. Questo problema si pone in quanto i condòmini non hanno la stessa propensione al consumo o anche perché il condominio non ha le caratteristiche idonee per usufruire del Superbonus 110%. Le motivazioni in gioco potrebbero essere molte, ma in questo articolo vogliamo farti capire come il condominio oggi rappresenti una reale opportunità per cogliere i benefici degli incentivi dell’autoconsumo collettivo. Grazie al fotovoltaico, puoi dotare di energia il POD del tuo condominio e su tale energia condivisa beneficiare degli incentivi per 20 anni.

Condominio e autoconsumo collettivo

Nel caso del condominio, un unico edificio con più utenze al proprio interno, lo schema di riferimento per la comunità energetica è quello di “Autoconsumatori di energia rinnovabile che agiscono collettivamente”, quindi autoconsumo collettivo. L’energia autoconsumata collettivamente risulta essere quella immessa in rete dal POD condominiale e contestualmente autoconsumata dalle singole utenze (consumi orari).

Qual è la variabile importante? Il numero dei condòmini. Man mano che aumentano le loro utenze, aumenta l’energia condivisa, aumenta l’incentivo e di conseguenza il ritorno economico.

LEGGI ANCHE: “COMUNITÀ ENERGETICHE E AUTOCONSUMO: ECCO LE NOVITÀ

Incentivi dell’autoconsumo collettivo per condominio

L’energia autoconsumata collettivamente genererà una serie di ricavi, basati sui seguenti incentivi:

  • Restituzione degli oneri di trasmissione e dispacciamento non goduti, pari a 0,01€/kWh. L’energia autoconsumata non viene immessa nella rete pubblica, per cui devono essere restituiti i costi che gli utenti della CER, che continuano a prelevare energia dalla rete, si trovano comunque addebitati in bolletta.
  • Incentivo sull’energia autoconsumata all’interno della comunità, pari a 0,10€/kWh.

Inoltre, su tutta l’energia che non viene consumata nel POD condominiale ma immessa in rete, è riconosciuto il Ritiro Dedicato (RID), che vale circa 0,04€/kWh.

A questi benefici o ricavi, per completezza andrebbe considerato anche il valore dell’energia autoconsumata dal POD condominiale, che rappresenta comunque un significativo risparmio sulla bolletta del condominio.

Impianto Fotovoltaico a costo zero

Perché installare un impianto fotovoltaico sul tetto del condominio risulta essere un investimento a costo zero? Quando un condominio, equiparabile ad un privato, sceglie l’autoconsumo collettivo può beneficiare dello sconto in fattura del 50%. In questo modo, l’esborso economico (equiparabile al 50% del costo) viene ripagato dagli incentivi dopo un tot. di anni, permettendo di usufruire di energia pulita, rinnovabile, condivisa, senza impegno finanziario. Leggendo l’esempio seguente capirai meglio la reale convenienza di quello che stiamo affermando.

fotovoltaico-condominio

Caso concreto di autoconsumo collettivo per condominio

Presentiamo il caso di un condominio composto da 12 unità abitative con un impianto fotovoltaico di potenza 20kW. L’impianto è installato presso il POD delle utenze comuni, con una produzione annua attesa di 24.000 kWh/anno.

Per poter stimare il ritorno economico, consideriamo le seguenti ipotesi:

  • Consumo associato al POD condominiale: 4.000 kWh/anno.
  • Consumo medio per appartamento: 3.000 kWh/anno.
  • Autoconsumo fisico dell’utenza comune: 1.500 kWh/anno.
  • Autoconsumo collettivo: 36.000 kw/annuo di cui 10.800 autoconsumati.
  • Energia immessa in rete e non autoconsumata dalla comunità o dall’utenza comune: 11.676 kWh/anno.

 Per quanto riguarda gli incentivi, si avranno:

  • Restituzione degli oneri di trasmissione e dispacciamento non goduti (Restituzione Oneri ARERA): 0,01€/kWh su 10.800 kWh.
  • Incentivo sull’energia autoconsumata (Incentivo CER) pari a 0,10€/kWh su 10.800 kWh.
  • RID pari a 0,04€/kWh da applicare sia ai 10.800 kWh dell’autoconsumo collettivo, che ai 11.676 kWh dell’energia immessa in rete e non autoconsumata né dalla comunità né dal singolo utente.

In questo caso, optando per un impianto fotovoltaico con lo sconto in fattura del 50%, il tempo di rientro dell’investimento risulta essere di 7 anni. Il recupero del restante 50% dell’investimento avviene grazie al godimento degli incentivi per 20 anni.

Cosa aspetti? Per l’impianto fotovoltaico del tuo condominio scegli 4Energy.
4Energy
Contattaci per una consulenza senza impegno e approfitta dello sconto in fattura. Avrai un preventivo specifico per le tue esigenze.

Oppure lasciaci i tuoi dati, ti contatteremo noi!

    LEGGI ANCHE:

    0 Comments