Fotovoltaico con il maltempo: grandine

Fotovoltaico con il maltempo: grandine

Nell’estate del 2023, l’Italia è stata colpita da violente tempeste di grandine, causando danni significativi alle colture, alle strutture agricole e ai pannelli fotovoltaici presenti sui tetti industriali e residenziali. Anche i pannelli fotovoltaici di ultima generazione, comunemente considerati resistenti, non sono stati in grado di sopportare l’impatto dei grossi chicchi di grandine.

Questi impianti, nonostante siano progettati per resistere a condizioni climatiche di intensità straordinarie, non sono immuni da eventi imprevisti come tempeste di grandine, fulmini e altri incidenti. Questi eventi possono causare danni considerevoli agli impianti e agli investimenti associati.

I moduli fotovoltaici ben realizzati sono solitamente costruiti con vetro temperato e strati di materiali plastici, ma il test sulla grandine secondo la norma IEC 61215 non tiene in considerazione chicchi di grandi dimensioni. La prova della norma richiede ai moduli di resistere solo a 11 impatti di una palla di ghiaccio da 25 mm di diametro, mentre una simulazione più realistica dovrebbe considerare impatti con energie cinetiche 10 volte superiori, oltre i 20 joule.

Ricerche sul campo hanno dimostrato che i moduli possono subire danni invisibili o visibili con chicchi di ghiaccio dai 3 cm in su e la quota di danni visibili aumenta notevolmente sopra i 4 cm di diametro.

Come proteggersi dai danni della grandine

Spesso, gli impianti fotovoltaici di piccole dimensioni non vengano assicurati, ma questo atteggiamento è sbagliato. È sempre consigliabile assicurare tali impianti, indipendentemente dalle loro dimensioni. L’installazione di un impianto fotovoltaico rappresenta un investimento significativo e garantire una protezione adeguata, stipulando un’assicurazione, è essenziale ed è una scelta responsabile per proteggere il proprio investimento da potenziali perdite finanziarie.

Se l’acquisto dell’impianto è stato finanziato, è possibile che venga fornita una copertura “all risk” dalla banca stessa. Al contrario, se l’acquisto è stato effettuato senza finanziamenti o solo con incentivi statali, l’assicurazione dell’impianto non è automaticamente inclusa e sarà necessario stipularla autonomamente.

Come comportarti in caso di grandine

Dopo una grandinata, i proprietari di impianti fotovoltaici devono rivolgersi ad un’azienda competente e con comprovata esperienza nel settore per valutare i danni del sinistro. Il consiglio è quello di effettuare una elettroluminescenza a campione per individuare eventuali hot spot o danni interni ai moduli.

Se l’impianto fotovoltaico danneggiato è incentivato, solitamente si ha maggiore convenienza nel sostituire la totalità dei moduli (danneggiati e non). Questa operazione, a distanza di anni, consente di avere un recupero economico in termini di incentivi in Conto Energia.

0 Comments

leave a comment